Master breve: “il ricorso per cassazione civile alla luce della riforma Cartabia”

                                                                                                    PRESENTAZIONE

Il Corso approfondisce le modifiche e principali questioni relative al ricorso per Cassazione, al controricorso, al ricorso incidentale, alla luce della recente riforma Cartabia e si soffermerà sulle questioni problematiche relative al giudizio di rinvio e alla revocazione alla luce delle più recente giurisprudenza

Scopo del Corso è portare i partecipanti ad affinare le tecniche di predisposizione del ricorso in materia civile e tributaria per evitare i più ricorrenti vizi che conducono alla inammissibilità del ricorso: la mancanza di autosufficienza e la errata prospettazione dei motivi di ricorso. Si orienterà l’avvocato sulla scelta, nel caso di procedimento accelerato, tra optare per la richiesta di una camera di consiglio ovvero per la rinuncia al ricorso.

Nel primo modulo  saranno oggetto di trattazione le modifiche processuali relative alla unificazione dei riti camerali di legittimità, il procedimento accelerato per la definizione dei ricorsi inammissibili, improcedibili o manifestamente infondati,  il rinvio pregiudiziale in Cassazione, nonché le tecniche di redazione del ricorso con particolare attenzione alla chiarezza e sinteticità degli atti, al fine di evitare sanzioni di inammissibilità e la rivisitazione del principio di autosufficienza alla luce della giurisprudenza comunitaria (sentenza Succi) ed agli ultimi orientamenti della giurisprudenza di legittimità.

Ci si soffermerà sulle le corrette tecniche di deduzione dei vari vizi (art. 360.n. 3,4 e 5 c.p.c.)

Saranno oggetto di trattazione anche le varie tematiche relative al controricorso e al ricorso incidentale

Il secondo modulo affronterà il giudizio di rinvio, la revocazione, la correzione di errore materiale in Cassazione e la rinuncia al ricorso –

Le questioni saranno affrontate con taglio pratico ed ampio spazio sarà riservato ai quesiti

**********************

Primo modulo: 16 maggio - orario- 15,00-18,30 -17 maggio – orario 10,00-13,30/15,00-18,30

Riforma del giudizio in cassazione - Tecnica di redazione del ricorso, autosufficienza - Art.  360 n. 3 c.p.c. - Art. 360 n. 4 c.p.c. - Art. 360 n. 5 c.p.c.

 

Riforma del giudizio in cassazione

  • unificazione dei riti camerali di legittimità
  • procedimento accelerato per la definizione dei ricorsi inammissibili, improcedibili o manifestamente infondati (valutazione se optare per la richiesta di camera di consiglio ovvero per la rinuncia al ricorso
  • richiesta di pubblica udienza formulata dall’avvocato
  • modiche al divieto di ricorso ex art. 360 n. 5 c.p.c.  in caso di doppia conforme
  • modifiche al ricorso introduttivo e al controricorso con riferimento all’elezione del domicilio
  • deposito dei documenti e di tutti gli atti di parte esclusivamente con modalità telematiche, o anche mediante altri mezzi tecnologici
  • unificazione dei termini previsti per il deposito delle conclusioni del procuratore generale e delle memorie delle parti
  • Eliminazioni della differenza tra comunicazioni di cancelleria e notificazioni

 

Tecnica di redazione del ricorso, autosufficienza

  • dovere di chiarezza e di sinteticità
  • rivisitazione del principio di autosufficienza alla luce degli orientamenti unionali e della introduzione del processo telematico in cassazione
  • l’autosufficienza del ricorso:
  • con riferimento al rilevamento del giudicato esterno
  • con riferimento al rilevamento del giudicato interno
  • modalità di deduzione, sotto il profilo dell’autosufficienza, del mancato esame dell'eccezione di prescrizione
  • nel caso di denuncia di mancata ammissione nel giudizio di merito di una prova testimoniale
  • modalità di deduzione dell’art. 366, n. 6 c.p.c.
  • difetto di autosufficienza con riferimento alle “questioni nuove” implicanti accertamenti in fatto
  • modalità di deduzione della violazione dell’art. 116 c.p.c. in ordine alla valutazione delle prove
  • con riferimento alla ctu
  • con riferimento ai termini per l’impugnazione
  • con riferimento alla denunciata interpretazione di una norma contrattuale
  • vizio per eccesso

 

 

Art.  360 n. 3 c.p.c.

  • distinzione tra errores in iudicando ed errores in procedendo
  • modalità di deduzione sotto il profilo dell’autosufficienza del vizio: violazione o falsa applicazione di legge?
  • come distinguere la violazione di legge dalla falsa applicazione di legge
  • deduzione di più vizi con un unico motivo: conseguenze
  • ius superveniens nel giudizio di cassazione
  • la valutazione del giudice di merito in tema di presunzioni è censurabile in cassazione come vizio di violazione di legge o come di difetto di motivazione?
  • l’erronea valutazione del nesso causale è censurabile in cassazione?
  • omesso esame di una domanda e erronea interpretazione della domanda
  • la decisione del giudice di non ammettere la consulenza tecnica è censurabile in cassazione?
  • è sindacabile in cassazione la scelta del giudice di disporre ctu?
  • può essere denunciato in cassazione il mancato ricorso, da parte del giudice del merito, alle nozioni di fatto rientranti nella comune esperienza?

 

Art. 360 n. 4 c.p.c.

  • nullità della sentenza
  • modalità di deduzione del vizio di error in procedendo, sotto il profilo dell’autosufficienza
  • quando censurare il vizio di omessa pronuncia sub art. 360 n. 4 c.p.c. o sub. art. 360 n. 5 c.p.c.
  • l’omesso esame di elementi istruttori integra il vizio di omesso esame di un fatto decisivo?
  • ricorre il vizio di omesso esame di un punto decisivo della controversia se l'omissione riguarda una tesi difensiva o un'eccezione?
  • vizio ex art. 360 n. 4 c.p.c. e possibilità da parte del giudice di pronunciare una sentenza “succinta”
  • assorbimento o reiezione implicita a seguito dell’accoglimento del motivo assorbente
  • modalità di deduzione del vizio di omessa pronunzia sotto il profilo dell’autosufficienza
  • l’errata indicazione del motivo di censura quale “error in procedendo”, anziché “error in iudicando” comporta l’inammissibilità del ricorso?
  • autosufficienza in caso di omessa pronuncia
  • omessa pronuncia del giudice di merito su un'eccezione non rilevabile di ufficio
  • la mancata ammissione di una prova è censurabile in cassazione?
  • l'omesso esame di un'eccezione di parte configura error in procedendo o in iudicando?

 

Art. 360 n. 5 c.p.c.

  • censurabilità della motivazione apparente o perplessa
  • omesso esame “circa”  un fatto decisivo che è stato oggetto di discussione tra le parti.
  • possibile estensione del vizio alla sentenza insanabilmente contraddittoria o apparente
  • censurabilità sub art. 360. n. 5 c.p.c. della omessa considerazione della valenza probatoria di un fatto (prova testimoniale, ctu)
  • le prove raccolte in altro giudizio possono costituire omesso esame di un fatto decisivo?

 

Controricorso – Ricorso incidentale -

Controricorso

  • modifiche apportate al controricorso dalla riforma:
  • termine per il deposito del controricorso
  • elezione di domicilio
  • eliminazione dell’obbligo della notifica del controricorso
  • eliminazione dell’obbligo della notifica del ricorso incidentale nel caso di notifica di ricorso per integrazione del contraddittorio
  • eliminazione dell’obbligo della notifica del controricorso al ricorso incidentale
  • elementi necessari per l'ammissibilità del controricorso
  • se il controricorso contiene il ricorso incidentale è necessaria l’esposizione sommaria dei fatti o è sufficiente il mero rinvio al ricorso principale?
  • la notifica del controricorso sana i vizi di notifica del ricorso?
  • è valida la notificazione del controricorso a mezzo posta, eseguita dall'ufficiale giudiziario del luogo di emissione della sentenza impugnata, anziché di roma?
  • il principio della consumazione della impugnazione si applica anche al controricorso?
  • mancata comparizione del difensore nominato all'udienza di discussione. la richiesta di rimessione in termini per la notifica del controricorso consente l’esame della richiesta?
  • la improcedibilità del ricorso per omesso deposito nel termine ex art. 369, i co, cpc è sanata dalla notifica di controricorso senza l’eccezione di improcedibilità?
  • nel controricorso è possibile proporre l’istanza di correzione di errore materiale della sentenza di merito impugnata per cassazione?
  • è possibile la procura in calce o a margine su atti diversi dal ricorso o dal controricorso?
  • il mandato apposto in calce o a margine del ricorso per cassazione deve fare riferimento al giudizio in corso o alla sentenza impugnata?
  • in mancanza della procura speciale è possibile la condanna del difensore alle spese del giudizio?
  • la proposizione del ricorso per cassazione comporta la consumazione del diritto di impugnazione, nel caso di ricorso di altro cointeressato, oppure consente la formulazione di motivi aggiunti o la proposizione di successivo ricorso incidentale?
  • in caso di nullità della notificazione del ricorso, il controricorso può essere, dichiarato tardivo?
  • la nullità della notifica del ricorso è sanata dalla proposizione del controricorso?
  • in caso di più ricorsi per cassazione, qual è il principale?

 

 

Ricorso incidentale

  • sentenza sfavorevole alla parte vittoriosa limitatamente a questione preliminare o pregiudiziale: è necessario proporre ricorso incidentale?
  • se la sentenza di appello non si pronuncia sull’ eccezione di estinzione del processo, può essere promossa col controricorso o con ricorso incidentale?
  • è possibile proporre con controricorso l’impugnazione incidentale tardiva?
  • è ammissibile il ricorso incidentale della parte vittoriosa che propone questioni assorbite?
  • il ricorso incidentale condizionato è proponibile da parte di chi risulti vittorioso in appello?
  • in caso di ricorso incidentale della parte totalmente vittoriosa nel merito che riproponga questioni pregiudiziali di rito, compresa quella di giurisdizione, o preliminare di merito tali questioni vanno esaminate prioritariamente?
  • l'impugnazione incidentale tardiva è sempre ammissibile?

 

Secondo modulo: 31 maggio – orario 10,00-13,30/15,00-18,30 - 01 giugno orario 9,30-13,00

Revocazione - Giudizio di rinvio – Errore materiale – Rinuncia al ricorso -

Giudizio di rinvio

  • se il giudizio è riassunto solo nei confronti di alcuni dei litisconsorti necessari si ha estinzione del giudizio? 
  • poteri del giudice del rinvio e facoltà delle parti
  • giudizio di rinvio e giudicato esterno
  • sentenza del giudice di rinvio in primo grado: appello?
  • sussiste litisconsorzio necessario nel giudizio di rinvio fra le parti del giudizio di cassazione?
  • mancato rispetto della sentenza di cassazione: vizio in procedendo o in iudicando?
  • vizio di ultrapetizione
  • giudice del rinvio e risultanze istruttorie acquisite nelle fasi di merito: può trarre indicazioni dalla sentenza di annullamento?
  • giudice di rinvio e il riesame dei presupposti di applicabilità del principio di diritto enunciato dalla cassazione
  • giudizio di rinvio e ammissibilità dell'intervento volontario del terzo
  • è ammissibile il ricorso per revocazione se la sentenza è stata cassata con rinvio?
  • contumacia in fase di rinvio: il giudice deve pronunciarsi sulle eccezioni sollevate e pretermesse nei precedenti stati processuali?
  • cassazione con rinvio e riassunzione: notifica alla parte personalmente?
  • la mancata decisione nel merito dalla cassazione vizia il giudizio di rinvio?
  • accertamento fattuale complesso: giudice di rinvio può riesaminare l’intera vicenda?
  • gli effetti della mancata riassunzione
  • validità dell'atto riassuntivo: devono essere riprodotte tutte le domande della parte?
  • limiti dei poteri attribuiti al giudice di rinvio
  • questioni conoscibili d'ufficio e non rilevate nel giudizio di cassazione. possono essere proposte nel giudizio di rinvio? 
  • cassazione con rinvio: la domanda di restituzione delle somme pagate in esecuzione della sentenza di appello cassata è domanda nuova?
  • é sindacabile la sentenza della cassazione da parte del giudice di rinvio?
  • mancata o tardiva riassunzione del giudizio di rinvio ed efficacia del giudicato di merito sull’ “an debeatur”?
  • nuovo giudizio: la pronuncia della Corte di cassazione (es: sul principio di diritto applicabile) è vincolante?
  • estinzione del processo per mancata riassunzione; nel giudizio riproposto sono ammesse le domande o eccezioni nuove?
  • l'istanza di rimessione alla corte di giustizia della ce può essere proposta anche nel giudizio di rinvio?
  • la domanda di risarcimento del danno può essere proposta al giudice del rinvio?
  • cassazione per vizio di motivazione: poteri del giudice di indagine e di valutazione della prova
  • invio improprio o restitutorio?
  • mancata integrazione del contraddittorio, sussiste per i soggetti pretermessi la facoltà di allegazione e di prova?
  • ampliamento del “thema decidendum”, nuove domande ed eccezioni
  • nuovi documenti necessari in base alla sentenza della Corte di cassazione
  • la sentenza di cassazione con rinvio costituisce giudicato?
  • la vincolatività del principio di diritto rispetto alle norme processuali
  • giudizio di rinvio: nuove attività assertive e diversa qualificazione giuridica del rapporto? 
  • rinvio al giudice d'appello, violazione del contraddittorio e rimessione al giudice di primo grado?
  • ius superveniens” e giudizio di rinvio
  • se la s.c. abbia demandato ad ulteriori accertamenti, il giudice di rinvio può rigettare le relative richieste istruttorie per tardività?
  • deducibilità della nullità della sentenza di legittimità nel giudizio di rinvio
  • giudizio di rinvio e prescrizione tempestivamente eccepita dal garante assicurativo
  • giudizio di rinvio: nuova procura al difensore del giudizio di merito
  • rinvio e riproposizione delle questioni assorbite
  • rinvio e giudicato esterno

 

Il giudizio di revocazione

  • è ammissibile il ricorso per revocazione nei confronti delle sentenze pronunziate dalla Corte di cassazione?
  • quando si configura il vizio revocatorio in cassazione?
  • revocazione avverso le decisioni dei giudici ordinari passate in giudicato il cui contenuto sia stato dichiarato dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo contrario alla convenzione
  • revocazione per errore di fatto in cassazione
  • travisamento delle prove ed esclusione della revocazione
  • travisamento delle risultanze della consulenza tecnica: è ammissibile quale motivo di revocazione in cassazione?
  • richiesta di revocazione della sentenza di merito e sospensione dei termini per il ricorso per cassazione.
  • riattivazione del giudizio: istanza ex art. 297 cpc o segnalazione informale della cessazione della causa di sospensione?
  • il controricorso nel giudizio di revocazione deve essere notificato?
  • il ricorso per cassazione contro la sentenza d'appello e contro quella che decide l'impugnazione per revocazione avverso la prima, devono essere riuniti?
  • revocazione per mancata produzione della copia notificata della sentenza impugnata: come va fornita la prova dell'errore revocatorio?
  • il principio di consumazione dell'impugnazione vale anche per la revocazione ordinaria?
  • il vizio di omessa pronuncia su un motivo di ricorso per cassazione è censurabile con la revocazione?
  • l’omissione della descrizione di un motivo di ricorso poi valutato e deciso ha rilevanza ai fini della revocazione?
  • può essere impugnata per revocazione l’erronea valutazione dei motivi del ricorso?
  • la revocazione si estende al contenuto degli atti processuali?
  • la sentenza della Corte di cassazione può essere impugnata per revocazione in base all'assunto che abbia male compreso i motivi di ricorso?
  • notifica del ricorso per revocazione
  • omessa valutazione di scritti difensivi: errore di fatto?
  • erronea valutazione di un motivo di ricorso: vizio revocatorio?
  • omesso rilievo della tardività del ricorso per cassazione: revocazione?
  • é oggetto di revocazione l’errore di fatto sugli atti "interni" al giudizio di legittimità?
  • l’errata interpretazione di interpretazioni giurisprudenziali: errore di fatto revocatorio?
  • mancata comunicazione dell'avviso di udienza alla parte regolarmente costituita è errore di fatto decisivo risultante dagli atti di causa?
  • la revocazione della sentenza di merito determina la sopravvenuta carenza di interesse alla coltivazione del ricorso per cassazione?
  • erronea percezione del segno grafico attestante la data di deposito della sentenza di merito: è motivo di ricorso per revocazione?
  • pregressa abrogazione della norma non considerata nella sentenza: è ammissibile il ricorso per revocazione?
  • é ammissibile il ricorso per motivi di giurisdizione (errore ex art. 395, n. 4 cpc)?
  • mancata riunione di ricorsi pendenti per diversi periodi di imposta: ricorso per revocazione?
  • pretermissione di giudicato esterno: ricorso per revocazione?
  • errore sulla data di consegna del ricorso all'ufficiale giudiziario: errore di fatto?
  • oneri probatori del ricorrente in caso di sospensione disposta nel giudizio di revocazione
  • termini per il soccombente per proporre ricorso dopo la proposizione dell'istanza di revocazione

 

 

Correzione di errore materiale in Cassazione

  • caratteri dell’errore materiale
  • modalità di correzione degli errori materiali delle sentenze della Corte di cassazione? 
  • correzione di errore materiale in via consequenziale
  • la correzione di errore materiale di una sentenza della Corte di cassazione può essere effettuata d’ufficio dalla stessa corte?
  • quale giudice corregge l’errore materiale?
  • differenza tra errore revocatorio e errore materiale
  • necessaria la notificazione del ricorso originario alle altre parti del giudizio conclusosi con la sentenza?
  • errore di file informatico
  • omessa pronuncia sulle spese
  • omessa pronuncia sul contributo unificato
  • possibile la correzione da parte della cassazione di errore materiale compiuto dal giudice di appello?
  • la correzione di errore materiale di una sentenza della Corte di cassazione richiede il deposito di copia autentica del provvedimento?
  • la correzione di errore materiale di una sentenza della Corte di cassazione può essere effettuata d’ufficio dalla stessa corte?
  • in caso di rigetto dell'istanza di correzione da parte del giudice di appello è possibile ricorrere per cassazione?
  • nel procedimento di correzione di errore materiale vanno liquidate le spese?
  • omissione di pronuncia del giudice di appello su domanda di restituzione somme proposta in sede di gravame
  • il procedimento di correzione consente la riapertura dei termini di impugnazione?
  • errore di calcolo
  • contrasto tra dispositivo e motivazione
  • è ammissibile il ricorso per revocazione avverso l’ordinanza di correzione di errore materiale pronunciata dalla Corte di cassazione?
  • omessa pronuncia sull'istanza di distrazione delle spese
  • attività di specificazione o di interpretazione di una sentenza di cassazione
  • erronea rivalutazione monetaria
  • inesatta determinazione dei presupposti numerici di un'operazione
  • correzione della sentenza
  • erronea percezione delle risultanze degli atti processuali

 

Rinuncia al ricorso

 

  • la rinuncia al ricorso deve essere sottoscritta dalla parte e dal difensore?
  • la rinuncia sottoscritta dal solo difensore privo di mandato a rinunziare quali effetti ha?
  • la rinuncia al ricorso in caso di mancata notificazione alla controparte quali effetti ha?
  • la rinuncia ad uno o più motivi di ricorso da parte del difensore presuppone il mandato speciale?
  • la rinuncia del difensore ad uno o più motivi quali effetti ha?
  • la rinuncia al ricorso richiede l’accettazione della controparte?
  • in caso di estinzione del processo per rinuncia agli atti del giudizio da parte del giudice di merito, il provvedimento di "liquidazione" delle spese è impugnabile in cassazione?
  • la rinuncia al ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione richiede l’accettazione della controparte?
  • l’atto di rinuncia non notificato alle parti costituite è idoneo a determinare l'estinzione del processo?
  • la rinuncia al ricorso principale rende inefficace l'impugnazione incidentale tardiva?
  • in caso di rinuncia al ricorso è dovuto il contributo unificato?
  • qual è il termine ultimo di proposizione della rinuncia al ricorso?
  • qual è il termine ultimo di proposizione della rinuncia al ricorso nel caso di procedimento in camera di consiglio "ex" art. 380 "bis" cod. proc. civ.?
  • le parti che chiedono l'esame completo della controversia a seguito del decreto di estinzione per rinuncia al ricorso devono allegare i motivi?
  • la mancanza del visto della controparte sull’atto di rinuncia consente di dichiarare l'estinzione del processo?
  • l’estinzione per rinuncia in caso di transazione intervenuta tra le parti costituisce ostacolo al passaggio in giudicato della sentenza impugnata?
  • cessazione della materia del contendere

 

P.S. Il programma potrebbe subire variazioni a seguito di eventuali nuove normative emanate nel periodo

Crediti formativi

Avvocato - 10

Periodo

Dal 16/05/2024 al 01/06/2024

Prezzo

Prezzo di listino: € 475,80

Prezzi scontati

Online

  • Fino al 31 Marzo 2024: € 231,80 Promozione valida solo per gli iscritti alle nostre newsletter

In presenza

  • Fino al 31 Marzo 2024: € 207,40 Promozione valida solo per gli iscritti alle nostre newsletter
Form & Lex nasce nel 2013 e da allora svolge esclusivamente corsi di formazione di qualità finalizzati all’aggiornamento professionale accreditato.
0721 22251 interno 1
Form & Lex S.r.L.
Via Y. A. Gagarin, 167, 61122 Pesaro PU
P. IVA: 02641860412
Capitale sociale: € 20.000 i.v.
REA: PS - 198088
Email: info@formandlex.it
PEC: formandlexsrl@pec.it

Copyright © Form & Lex S.r.L., Tutti i diritti riservati | Icons provided by icons8